Vai al contenuto

ZELENSKY POINT

Due anni fa, alla fine di aprile del 2019, era stato eletto in maniera trionfale. Petro Poroshenko, il presidente insediatosi nel 2014 appena dopo il cambio di regime a Kiev e l’avvio della guerra nel Donbass, era stato spazzato via senza troppi complimenti e rimpianti, travolto dall’ondata di quello che sembrava il salvatore della patria e invece si è rivelato il più classico dei populisti, nemmeno tanto “gentile”, come qualche osservatore un po’ troppo ottimista l’aveva definito all’inizio della sua carriera politica: Volodymyr Zelensky, giunto alla politica dal cabaret televisivo, protagonista di una serie (Servitore del popolo) in cui recitava la parte di un capo di Stato sui generis, è naufragato alla prova dei fatti. Continua su Tag43.it