Vai al contenuto

Alla fine le tesi sugli immigrati musulmani, ma ancor più le polemiche esternazioni sui geni degli ebrei, costeranno a Thilo Sarrazin il posto nel consiglio di amministrazione della Bundesbank. L’istituto centrale tedesco ha votato all’unanimità la richiesta al presidente della Repubblica Christian Wulff (cui spetta la decisione finale) di estromettere il sessantacinquenne politico socialdemocratico dal board. Il mondo politico approva, cancelliera Merkel in testa, e appare sollevato dalla votazione della Bundesbank che lascia Wulff senza troppi margini di manovra. La speranza è che il clamore e le polemiche sollevate in questi giorni possano placarsi, ma è una speranza destinata a rimanere delusa. ...continua a leggere "SARRAZIN, LA GERMANIA E L’INTEGRAZIONE"