Vai al contenuto

La guerra nel Donbass tra Ucraina e separatisti appoggiati dalla Russia prosegue sottotraccia. Qualche settimana fa le esercitazioni militari russe lungo il confine orientale dell’ex repubblica sovietica e in Crimea, penisola annessa da Mosca nel 2014, avevano fatto pensare in Occidente al primo atto di una possibile escalation. Intanto il presidente ucraino Zelensky ha arrestato Medvedchuk, amico intimo di Putin alla guida della fazione filorussa del Donbass. Articolo su Tag43.it

La nuova Guerra Fredda è anche una guerra di informazione. Controllarne, dirigerne e manipolarne il flusso vuol dire essere un passo avanti all’avversario. Se da un lato hanno assunto un ruolo sempre maggiore i rapporti tra politica e media, dall’altro è cresciuto anche il peso dei singoli attori della comunicazione, reale e virtuale. Su questo doppio binario si muove la Russia di Vladimir Putin. Continua su Tag43.it