Vai al contenuto

Le previsioni di crescita dei paesi dell’Europa centro-orientale per quest’anno indicano ancora cifre da far invidia. In particolare la locomotiva polacca, così come la “sovranista” Ungheria, vanno incontro alla fine del 2019 centrando un aumento del Pil del 4,5%, dato che fa invidia ai paesi che hanno già quest’anno avvertito il rallentamento dell’economia globale, Germania su tutti. Ma anche il boom nel cuore dell’Europa, nei piccoli paesi fuoriusciti trent’anni fa dal comunismo riscoprendo l’antica vocazione industriale, ha i mesi contati. Beata Javorcik, capo economista della Banca per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers, soprannominata la banca dell’est giacché opera nei paesi dell’Europa centrale e orientale e dell’Asia centrale) è stata esplicita in un colloquio con la Neue Zürcher Zeitung, l’autorevole quotidiano svizzero di lingua tedesca: “Con il prossimo anno la festa finisce”. Continua su Startmag.it

La nuova crisi con la Russia sul mare d'Azov riaccende i riflettori sull'Ucraina, alla vigilia delle elezioni presidenziali del 31 marzo 2019. Il malessere di un paese che, ancora una volta, si sente tradito a cinque anni dalla rivolta di Maidan. L'economia langue, le riforme non ci sono state, gli investitori frenano spaventati dalle incertezze sul dopo voto. All'orizzonte rispunta l'eterno ritorno di Julia Tymoshenko, a proposito di traditori di rivoluzioni. L'analisi su Start Magazine.

Tre miliardi di euro fino al 2025. A tanto ammonta il budget destinato da Berlino al piano di promozione dell'intelligenza artificiale. Una briciola rispetto a quanto impegnato dalla Cina. Ma il governo di Angela Merkel ci prova, consapevole che il fronte della digitalizzazione rappresenti per il sistema-paese tedesco la vera sfida da vincere per mantenere il livello di prosperità economico-sociale faticosamente costruito dal dopoguerra ad oggi. L'analisi del piano nell'articolo su Start Magazine.

Sarà del 4,5% la crescita economica della Polonia nel 2018 e del 3,5% il prossimo anno. Sono le stime presentate dal Fondo Monetario Internazionale in un rapporto reso pubblico la scorsa settimana e ripreso da Radio Poland. Il rallentamento nel prossimo anno sarà tuttavia accompagnato da una riduzione del debito pubblico, aggiunge il rapporto: l'economia polacca è vivace e in condizione di affrontare nei prossimi anni alcune sfide come l'invecchiamento della popolazione e la bassa produttività del lavoro, prosegue l'FMI. ...continua a leggere "FMI, LA POLONIA CRESCE DEL 4,5%"

La candidatura del vecchio arci-rivale di Angela Merkel, Friedrich Merz, ha sbaragliato le carte della corsa alla successione. Un uomo a cavallo fra politica e lobbing, gli inizi del Duemila considerato il vero erede di Helmut Kohl, poi sconfitto e umiliato dalla Merkel. Oggi sogna la rivincita, elettrizzando media e mondo economico. Ma ha sulle spalle una zavorra di relazioni, conflitti di interessi, commistioni con ambienti finanziari che possono scalfire la sua immagine di vecchio-nuovo outsider. Il ritratto su Start Magazine.