Vai al contenuto

PUTIN, NAVALNY E IL COVID

Si chiude un anno non dei più facili per Vladimir Putin, che nel 2020 ha tagliato il traguardo dei venti anni al Cremlino, seppur con l’intermezzo di Dmitri Medvedev tra il 2008 e il 2012. Anniversario tondo, con poco da festeggiare al momento, dentro e fuori la Russia, anche se rispetto a quando prese in mano il timone da Boris Yeltsin il Paese ha fatto degli enormi passi in avanti. Non magari in fatto di democrazia, ma questa è una questione che sta a cuore più all’Occidente, che guarda sempre alla Russia per come vorrebbe plasmarla piuttosto che per come davvero è. Continua su Eastwest.eu