Vai al contenuto

NOVICHOK, LA GRANDE BALLA

Dunque, ricapitoliamo: Novichok e affini non sono una specialità solo russa (o ex sovietica, per essere precisi), visto che dagli anni Novanta sono stati esportati in Occidente. La via tedesca è quella che ora è nota, grazie alle ricerche di Sueddeutsche e Co. Altre ce ne sono probabilmente state, considerando quanto gli Usa si sono impegnati per smantellare i laboratori in Uzbekistan e che pure a Praga gli agenti chimici sono stati sviluppati. Senza contare che dal 2008 la formula è nota, da quando l'esule russo negli Usa Mirzayanov l'ha pubblicata.

Continua su Linkiesta