Vai al contenuto

LA CANCELLIERA VENUTA DAL FREDDO

Una cancelliera venuta dal freddo. Si può parafrasare il titolo del più famoso romanzo di spionaggio ambientato ai tempi della Guerra Fredda (John Le Carré, La spia che venne dal freddo) per sintetizzare la scoperta compiuta da Stefan Kornelius, capo della redazione estera della Süddeutsche Zeitung: Angela Merkel ha origini polacche.

Kornelius ha dato alle stampe una nuova biografia di colei che da qualche anno viene considerata la donna più potente del mondo andando a frugare nel suo passato familiare finora piuttosto oscuro. Una traccia l'aveva fornita la cancelliera stessa qualche tempo fa, accennando in un incontro pubblico alla circostanza di avere un quarto di sangue polacco. Ma la cosa era finita lì, per mancanza di prove. Adesso il giornalista della Süddeutsche quelle prove le ha trovate e le ha riversate nero su bianco nel volume Angela Merkel, la cancelliera e il suo mondo, arrivato sugli scaffali delle librerie tedesche proprio il 14 marzo.

La scoperta è arrivata attraverso un certificato di nascita del padre di Angela Merkel, il teologo evangelico che, trasferendosi dopo la guerra dalla diocesi di Amburgo a quella di Quitzow, obbligò di fatto la futura cancelliera a crescere nella Germania comunista. Il suo nome originario era infatti Horst Kazmierczak e, solo nel 1930, la famiglia decise di trasformare il cognome polacco in un più comodo cognome tedesco: da Kazmierczak a Kasner, che è poi il cognome che Angela Merkel aveva da ragazza.

La stessa cancelliera non ha reso la vita facile a biografi e giornalisti. Il cognome con cui è diventata famosa nel mondo è quello del primo marito, Ulrich Merkel, allora uno studente di fisica originario della Turingia conosciuto nel corso di uno scambio universitario a Mosca e Leningrado, l'odierna San Pietroburgo. Un cognome che ha mantenuto nonostante il divorzio nel 1981 e il successivo matrimonio, nel 1998, con il professore di chimica Joachim Sauer, il riservato partner attuale che non ama i riflettori e compare al suo fianco solo quando il protocollo diplomatico lo impone. Anche i luoghi della sua vita rischiano talvolta di indurre in confusione. La cancelliera dell'est è in realtà nata nel 1954 a ovest, ad Amburgo. Ancora in fasce seguì l'intera famiglia a est: a Quitzow, in Brandeburgo, dove il padre, pastore evangelico, ottenne una diocesi. Horst Kazmierczak, nel frattempo già diventato Kasner, riteneva suo dovere assolvere al compito di non lasciare sguarnite le chiese e le parrocchie nell'altra metà della Germania, dove il partito comunista stava velocemente consolidando il suo potere. In quella che erroneamente viene considerata la sua città di origine, Templin, la famiglia Kasner arrivò solo tre anni dopo, nel 1957. Questa girandola di cognomi e città ha spesso contribuito a creare attorno alla cancelliera leggende imprecise.

Le recenti ricerche di Kornelius hanno permesso anche di risalire ancora più indietro nell'album di famiglia: il nonno paterno di Angela Merkel, Ludwig Kazmierczak, era originario di Poznan, dove venne al mondo nel 1896 come figlio illegittimo di Anna Kazmierczak e Ludwig Wojciechowski e crebbe sotto l'ombrello protettivo della madre e del suo secondo marito Ludwig Rychlicki. In quel periodo la città era conosciuta in Europa con il nome tedesco, Posen, essendo passata sotto il Reich tedesco dopo la spartizione della Polonia fra Prussia, Russia e Impero austroungarico. Poznan-Posen visse in pieno le vicende turbolente che segnarono la storia dell'Europa centro-orientale del Ventesimo secolo e gli spostamenti dei confini che seguirono la conclusione della prima guerra mondiale: dopo la stipula degli accordi di Versailles, la città tornò a far parte della Polonia e Ludwig Kazmierczak prese armi e bagagli per trasferirsi a Berlino.

Lì conobbe sua moglie Margarethe e dalla relazione nacque nel 1926 Horst Kazmierczak, il futuro padre della cancelliera, scomparso di recente nel 2011. Nel 1930 la famiglia decise di tedeschizzare il proprio cognome e fu così che molti anni dopo, nel 1954, Angela Merkel venne al mondo con il cognome Kasner. «Il vero cognome di nascita del padre della cancelliera era rimasto finora sconosciuto», ha sottolineato la Süddeutsche, «così come nelle tenebre era rimasto il passato polacco degli antenati della cancelliera. E anche se il nonno nacque in territori che a quei tempi appartenevano al Reich tedesco, le rivelazioni prodotte dalla nuova biografia confermano la discendenza polacca del ramo paterno di Angela Merkel».

A parte le curiosità geografiche, ci si chiede ora se queste nuove rivelazioni getteranno una luce migliore sulle relazioni fra Germania e Polonia. In verità, a parte la parentesi dei due anni di governo di Jaroslaw Kaczynski, i rapporti ufficiali fra Berlino e Varsavia sono sempre stati eccellenti dai tempi della caduta del Muro. Non era scontato, viste le controversie intercorse nei secoli precedenti e le ferite dolorose lasciate dall'invasione nazista del 1939 e la ridefinizione dei confini dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma la ferma determinazione di Helmut Kohl e Dietrich Genscher di riconoscere i confini orientali della Germania sulla linea dei fiumi Oder-Neiße dopo la riunificazione tedesca, aprì di fatto una nuova fase nelle relazioni fra i due Paesi, della quale hanno beneficiato entrambi. Sul piano della riconciliazione storica, procede il lavoro della commissione mista di esperti tedeschi e polacchi per giungere alla stesura di una memoria comune delle vicende che hanno legato Germania e Polonia nei secoli passati, sul modello di quel che accadde fra Germania e Francia dopo il secondo conflitto mondiale. Restano diffidenze legate al ruolo degli esuli tedeschi, espulsi dai territori della Prussia orientale e della Slesia incorporate dalla Polonia dopo il 1945, ma gli stretti rapporti sociali ed economici tra i due Paesi nell'ultimo ventennio rendono, con il passare delle generazioni, questi temi sempre più esclusivo dominio degli esperti.

Tanto più che la complessità degli intrecci inestricabili della storia di questo spicchio d'Europa offre oggi il paradosso di una cancelliera tedesca con origini polacche e di un primo ministro polacco con trascorsi familiari tedeschi. Donald Tusk, infatti, viene da una famiglia della minoranza dei casciubi, una popolazione appartenente al gruppo degli slavi occidentali insediatasi nei dintorni di Danzica agli albori del Tredicesimo secolo. Suo padre, Jozef Tusk, trascorse nel 1944 anche tre mesi nella Wehrmacht a causa della sua cittadinanza tedesca, prima di disertare e passare nelle file dell'armata in esilio polacca. Una circostanza che creò a Donald anche qualche problema in campagna elettorale. Ma le vicende familiari non si possono tagliare con l'accetta e un tale miscuglio di origini può diventare anche una risorsa nell'Europa unita di oggi.