Vai al contenuto

CHI VUOLE LA NUOVA GUERRA FREDDA?

Scrive Franco Venturini sul Corriere della Sera: “Il più fondamentale degli obiettivi strategici russo-sovietici è sempre stato quello di dividere l’Occidente, di indebolire i legami transatlantici, e a Putin deve essere parso, nell’ultimo anno, che le cose andassero per il verso giusto. L’ambiente, le spese per la difesa, il dollaro basso, Gerusalemme capitale senza piano di pace, l’accordo nucleare con l’Iran, i dazi ancora a mezz’aria, tutto sembrava agitare l’Atlantico come mai prima. Poi l’avvelenamento dell’ex spia Skripal e di sua figlia, il 4 marzo a Salisbury, ha invertito la tendenza. Perché occorreva essere solidali con la Gran Bretagna”. Appunto.

Continua su Linkiesta