Vai al contenuto

Non è nazionalista al punto giusto e ha in programma una serie di concerti in Russia. Colpe gravi per la cantante Maruv, che aveva stracciato tutti i concorrenti nella selezione per rappresentare l'Ucraina all'Eurovision Song Contest che si svolgerà a Tel Aviv ma che ora ha rinunciato dopo le critiche che le sono piovute addosso. La sua canzone, Siren Song (Bang!) in inglese e tedesco, aveva già acceso le speranze di una vittoria ucraina all'edizione israeliana, ma ora Kiev dovrà cercarsi un altro rappresentante. ...continua a leggere "AUTOGOL UCRAINO ALL’EUROVISION"

Vediamo di fare un po’ di chiarezza sulla questione Nord Stream, che ha diviso in Europa, ha allargato il fossato tra Russia e Stati Uniti e causato screzi nei rapporti transatlantici, soprattutto tra Germania e Usa. Come già illustrato altrove, in questo caso la posizione di Berlino è chiara e viene ribadita ogni volta che da Washington e anche da Bruxelles, dove la lobby anti-Nord Stream raccoglie adepti soprattutto tra Polonia e Paesi baltici, arrivano consigli più o meno velati ad abbandonare l'idea. ...continua a leggere "NORD STREAM FOR DUMMIES"

Richard Grenell è da quasi un anno l'ambasciatore degli Stati Uniti a Berlino. È una specie di controfigura di Donald Trump, trapiantata nella più importante capitale europea. Ex commentatore per Fox News e Breitbart, al servizio di Steve Bannon, è stato per qualche anno sotto George Bush anche il portavoce dell'ambasciatore a stelle e strisce alle Nazioni Unite. Nel 2018 il grande salto e il nuovo ruolo nella capitale tedesca... Continua su Lettera 43

La nuova crisi con la Russia sul mare d'Azov riaccende i riflettori sull'Ucraina, alla vigilia delle elezioni presidenziali del 31 marzo 2019. Il malessere di un paese che, ancora una volta, si sente tradito a cinque anni dalla rivolta di Maidan. L'economia langue, le riforme non ci sono state, gli investitori frenano spaventati dalle incertezze sul dopo voto. All'orizzonte rispunta l'eterno ritorno di Julia Tymoshenko, a proposito di traditori di rivoluzioni. L'analisi su Start Magazine.

In Putin 4.0 (uscito a marzo di quest'anno http://www.goware-apps.com/putin-4-0-stefano-grazioli/ ), nel capitolo intitolato Putinofobia, si racconta un po' di come l'Occidente consideri VVP l'incarnazione del Male e di come il presidente russo sia giudicato colpevole di ogni nefandezza possibile, almeno a Ovest di Mosca. A pagina 98 si legge: "manca solo che qualcuno salti fuori con la storia che Masha e Orso sono in realtà un prodotto dei servizi segreti russi per plagiare i bambini di mezzo mondo".

Ecco fatto.

Masha e Orso, il Times: "Il cartone nasconde propaganda russa"

...continua a leggere "MASHA, PUTIN E LA PROPAGANDA RUSSA"