Vai al contenuto

Uno dei più grandi istituti di credito dell'Europa centrale, la Deutsche Bank, vive da anni una situazione difficile. In questi giorni torna al centro dell'attenzione per nuovi scandali in cui sarebbe stata coinvolta. Sembrava una stagione gettata alle spalle dopo il pagamento di multe salatissime che ne tarpano i bilanci. Su Start Magazine l'analisi attraverso i commenti della stampa tedesca.

Tre miliardi di euro fino al 2025. A tanto ammonta il budget destinato da Berlino al piano di promozione dell'intelligenza artificiale. Una briciola rispetto a quanto impegnato dalla Cina. Ma il governo di Angela Merkel ci prova, consapevole che il fronte della digitalizzazione rappresenti per il sistema-paese tedesco la vera sfida da vincere per mantenere il livello di prosperità economico-sociale faticosamente costruito dal dopoguerra ad oggi. L'analisi del piano nell'articolo su Start Magazine.

Politica (e media) a sinistra, industria a destra. Di questi tempi può essere anche confortante che il mondo si muova come si è sempre mosso. Per le elezioni di midterm negli Stati Uniti le imprese tedesche che hanno filiali o affari oltreoceano hanno sganciato contributi elettorali ai candidati, seppure sotto forma di donazioni dei singoli lavoratori. La Welt svela nomi e cifre. E preferenze: nonostante il governo di Berlino si senta in trincea contro le politiche commerciali di Trump, le industrie preferiscono supportare i suoi candidati. Tutto raccontato su Start Magazine.

Giovedì scorso Angela Merkel è andata a Kiev e si è incontrata con il presidente Petro Poroshenko. Un piccolo spot elettorale per l'oligarca dai rating bassi in vista delle presidenziali del prossimo marzo. La stessa cancelliera ha ammesso che pur non volendosi immischiare nelle questioni ucraine spera che l'attuale collaborazione prosegua allo stesso modo. Ad accoglierla all'aeroporto pure c'era Vitaly Klitschko, sindaco della capitale e da anni il prediletto della Cdu tedesca che attraverso la Konrad Adenauer Stiftung ha allenato i nuovi quadri europeisti. ...continua a leggere "MERKEL, PUTIN E LA CRIMEA"

La candidatura del vecchio arci-rivale di Angela Merkel, Friedrich Merz, ha sbaragliato le carte della corsa alla successione. Un uomo a cavallo fra politica e lobbing, gli inizi del Duemila considerato il vero erede di Helmut Kohl, poi sconfitto e umiliato dalla Merkel. Oggi sogna la rivincita, elettrizzando media e mondo economico. Ma ha sulle spalle una zavorra di relazioni, conflitti di interessi, commistioni con ambienti finanziari che possono scalfire la sua immagine di vecchio-nuovo outsider. Il ritratto su Start Magazine.