Vai al contenuto

Detroit, versione slovacca

La Slovacchia è il paese europeo con il più alto numero di auto prodotte pro capite. Peugeot, Volkswagen e Kia hanno investito molto. La casata sudcoreana, in particolare, è stata decisiva nel balzo in avanti. Ma se per qualche motivo se ne dovesse andare, sarebbe dramma economico e sociale.

La fabbrica Kia in Slovacchia (theautochannel.com)

Il giornalista Martin Ehl, in forza al quotidiano economico praghese Hospodarske noviny, ha scritto un'interessante analisi sull'industria dell'auto slovacca. Che è molto grande, rispetto alla stazza geografica del paese. Garantisce crescita e lavoro, ma non mancano i rischi. Tali persino da paventare lo scenario di una Detroit nell'Europa mediana.

L'economia slovacca (2014-2019)
L'economia slovacca (2014-2019)

Ma vediamo perché si arriva a formulare tale ipotesi. La Slovacchia è oggi il paese europeo con il più alto numero di auto prodotto pro capite, scrive Ehl nell'articolo, tradotto in inglese da Transitions Online. Questo è principalmente dovuto all'arrivo della Kia nel paese, dieci anni fa. Si sono insediati nella regione di Zilina, nel nordovest. In Slovacchia c'erano già due fabbriche: quella Peugeot e quella Volkswagen, con quest'ultimo che nel 2013 ha sfornato più di 400mila auto. Ma il primato della produzione pro capite è arrivato solo dopo che i capannoni dei sudcoreani hanno iniziato a confezionare vetture. Attualmente ne realizzano qualcosa in più di 300mila, con l'idea di innalzarlo di altre 100mila unità.

Tutto questo ritmo produttivo ha fatto bene sia alla regione, caratterizzata storicamente da un tasso di disoccupazione alto, sia all'economia del paese, che poggia fortemente sull'export realizzato degli investitori occidentali (vedi grafico World Bank).

Ma non tutto è così fluido e roseo. Ehl nota infatti che la Kia ha praticamente impiantato il suo modello di produzione in Slovacchia, portandosi dietro i suoi fornitori e subfornitori. Insomma, nell'indotto c'è poco spazio per le aziende locali. Il che significa che, dovesse la Kia decidere di andarsene dalla Slovacchia, a Zilina e dintorni si creerebbe una voragine difficilissima da colmare. Una Detroit nell'Europa centrale. Pur se la Slovacchia è più un'area di assemblaggio che una Detroit. Si mettono insieme i pezzi, più che produrli di sana pianta.

Tuttavia non sembra ancora venuto quel momento. Anzi, la Slovacchia si dice pronta a poter accogliere persino un quarto produttore di auto. Potrebbe essere la Bmw?

1 pensiero su “Detroit, versione slovacca

  1. Pingback: La grande officina |

Lascia un commento