Vai al contenuto

Intervista pubblicata su Il Caffè Geopolitico

Ecco la  seconda parte dell’intervista (Cfr. Gazprom Nation) al giornalista Stefano Grazioli, autore freelance che lavora per testate svizzere e italiane, occupandosi soprattutto di Russia e Asia Centrale e che recentemente ha dato alle stampe “Gazprom nation”, in cui racconta in maniera approfondita e rigorosa la Russia di Putin e l’Asia centrale post sovietica del nuovo “great game”, attraverso la sua esperienza di corrispondente e le parole dei protagonisti. Dopo aver parlato dell’economia, ora le domande vertono sul ruolo di Mosca sulla scena internazionale.  ...continua a leggere "GAZPROMNATION AL CAFFE’ GEOPOLITICO (PART TWO)"

1

La ricostruzione dei giorni che portarono alla caduta del regime comunista cecoslovacco. L'ultimo dell'Europa centrale a capitolare. 

Praga nei giorni della rivoluzione di velluto (Wikipedia)
Praga nei giorni della rivoluzione di velluto (Wikipedia)

...continua a leggere "Praga e la rivoluzione di velluto"

Il Muro di Berlino sarebbe prima o poi caduto comunque. Come l’Unione Sovietica sarebbe prima o poi implosa. Ma ad accelerare il processo della storia, volutamente o no, è stato un uomo che in patria è considerato quasi un fallito, nel resto del mondo un eroe: Mikhail Gorbaciov, l’inventore della glasnost e della perestrojka, premio Nobel per la pace, è in Russia il simbolo dell’incapacità sovietica di riformare se stessa e della dissoluzione dolorosa dell’Impero che ha avviato una caduta politica ed economica apparsa all’inizio inarrestabile. ...continua a leggere "LA TRANSIZIONE RUSSA"