Vai al contenuto

Guerra civile. O conflitti interetnici, come si suole dire in maniera più morbida per non far apparire la tragedia nella sua più estrema drammaticità. La situazione in Kirghizistan è forse ora più tranquilla a dieci giorni dall‘esplosione degli scontri nel sud del Paese, ma sta prendendo contorni decisamente peggiori rispetto ai sanguinosi precedenti del 1990. Allora, poco prima che l‘Urss collassasse su se stessa, intervenne Mosca per mettere fine alle tensioni tra kirghisi e uzbeki nella valle di Fergana e i morti furono 300. Oggi, ...continua a leggere "IL BARATRO KIRGHISO"

Le dimissioni del presidente tedesco Horst Köhler sono un novum nella storia politica della Bundesrepublik. Mai prima d’ora un capo dello stato aveva interrotto volontariamente il proprio mandato. L’ha fatto in maniera sorprendente Köhler lasciando in tutta la Germania, nella politica e nella società, un grande sconcerto. Le sue dimissioni possono essere lette in diversi modi. ...continua a leggere "KÖHLER E I GUAI AFGANI"

Pubblichiamo la nostra intervista a Daniele Scalea, autore di "La Sfida Totale" ripresa dal sito spagnolo Sociologia critica:

Entrevista con Daniele Scalea, autor de “El desafío total”, un libro sobre los nuevos equilibrios mundiales Muchos hablan y escriben sobre geopolítica, pocos entienden realmente algo. Daniele Scalea es uno de éstos. Joven, 25 años, licenciado en Ciencias Históricas por la Universidad de Milán, Daniele Scalea, que participa desde hace años en la redacción de Eurasia, ha debutado con una obra de gran profundidad, demostrando que las orillas del lago Mayor (vive en Cannobio) pueden ser un observatorio privilegiado para comprender y explicar los acontecimientos del mundo que nos rodea. No soy sólo yo quien lo afirma, sino también el general Fabio Mini, que ha escrito el preámbulo del nuevo libro de Daniele. El general Mini explica ...continua a leggere "EL DESAFIO TOTAL"

Dmitri Medvedev è tornato a Mosca dopo la sua visita di due giorni in Ucraina lasciando a Kiev e a Victor Yanukovich il biglietto d’invito per entrare nell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, alleanza militare che comprende la Russia ed altre repubbliche ex sovietiche. Mica per un balletto al Bolshoi. Una proposta che arriva a un paio di settimane dagli accordi di Kharkiv con i quali è stata prolungata la permanenza della flotta russa a Sebastopoli fino al 2042 e con i quali Mosca ha allontanato in maniera perentoria la possibilità che nei prossimi anni l’Ucraina entri nella Nato. ...continua a leggere "INVITI E SEGNALI"

Tanti parlano e scrivono di geopolitica, pochi ne capiscono davvero qualcosa. Daniele Scalea è uno di questi. Giovane, 25 anni e una laurea in Scienze storiche alla Statale di Milano, Daniele Scalea - che già da qualche anno é nella redazione di Eurasia -  ha esordito con un opera di grande spessore (un assaggio sul sito), dimostrando che le sponde del Lago Maggiore (vive a Cannobio) possono diventare un osservatorio privilegiato per capire e spiegare le vicende del Mondo che ci circonda. A confermarlo non sono tanto io, quanto chi ha scritto la prefazione del nuovo libro di Daniele, “La sfida totale - Equilibri e strategie nel grande gioco delle potenze mondiali” (Fuoco Edizioni), e cioè il generale Fabio Mini, uno che ne capisce: “Si potrebbe tranquillamente dire che Daniele Scalea ha scritto un trattato di alta Geopolitica. Ha descritto il mondo attuale cercando di interpretarlo alla luce delle teorie classiche della Geopolitica confermandone, e ce n’era bisogno, la validità metodologica. Ha preso in esame tutti i grandi attori mondiali e dopo una panoramica appassionata, non c’è nient’altro da dire”. ...continua a leggere "LA SFIDA TOTALE – INTERVISTA A DANIELE SCALEA"