Vai al contenuto

COVID 19, LA PRUDENZA TEDESCA

La parola che Angela Merkel ripete più volte è “prudenza”. E il percorso che sta portando la Germania dal lockdown soft perseguito nelle settimane più critiche alla vita “normale con il Coronavirus” resta guardingo. Non perché, come strombazzato da una stampa italiana disattenta alla verità e attentissima a piegare le notizie agli interessi di bottega interna, il contagio sia ripreso proprio a causa delle caute riaperture. Piuttosto perché l’obiettivo resta sempre lo stesso: tenere il contagio all’interno della capacità di tenuta delle strutture ospedaliere. Per il momento il tasso di contagio, comunicato ufficialmente dal Koch Institut, è dello 0,76, un dato che rende “felice” il suo presidente Lothar Wieler: un numero basso che con qualche oscillazione non molto rilevante si mantiene costante da alcuni giorni. In questo momento è possibile individuare ogni nuova infezione, inseguirne la catena di contagio e, grazie anche all’ulteriore aumento dei test, circoscrivere eventuali nuovi focolai. Continua su Startmag