Vai al contenuto

Il principe nero

Marian Kotleba, esponente dell'estrema destra razzista, è stato eletto governatore di Banska Bystrica. Un caso isolato o il preludio di uno sfondamento a livello nazionale? 

(Scritto per Europa)

Marian Kotleba (da Facebook)

di Matteo Tacconi

Banska Bystrica è una graziosa cittadina di ottantamila abitanti della Slovacchia centrale. Una località di villeggiatura, estiva e invernale, tranquilla e ordinata, ma non troppo conosciuta fuori dai confini slovacchi.

O meglio: non era troppo conosciuta. Perché domenica, in occasione delle elezioni regionali, tenutesi su tutto il territorio del paese, s’è scatenata una tempesta politica che ha proiettato le antenne dei media europei su questo lembo di Europa mediana. La carica di governatore se l’è infatti presa al ballottaggio, con il 55,5 per cento, Marian Kotleba. Non propriamente un tipo raccomandabile. Classe 1977, Kotleba è il capo di Slovacchia nostra, partito saldamente ancorato nell’universo della destra più radicale, accanito nemico non solo dell’integrazione della minoranza rom, ma di quest’ultima in quanto tale. Un partito razzista, volendo tagliare corto.

Continua su Europa

Lascia un commento