Vai al contenuto

Germania: prima e dopo le urne

Angela Merkel fa il pieno di voti, riportando la Cdu ai livelli dell'era Kohl. A premiarla il suo centrismo rassicurante, la gestione della crisi europea e l'andamento, buono, dell'economia tedesca. Ma dovrà cercarsi ancora una volta un alleato di governo. L'ipotesi di Grosse Koalition è l'opzione più probabile. La raccolta delle corrispondenze pre e post-elettorali firmate da Berlino dal nostro Pierluigi Mennitti per Europa e Lettera 43.  

Alexanderplatz by night (berlinonbike.de)

Stop, dogana
(Scritto per Lettera 43) Spd e Cdu/Csu cercano l'intesa di governo. E un compromesso potrebbe essere l'introduzione del pedaggio autostradale a pagamento per gli stranieri.

Il muro Merkel-Shauble
(Scritto per Europa) Verso la Grosse Koalition. I socialdemocratici vogliono un ruolo forte nei dicasteri economici. Ma la cancelliera non farà troppe concessioni.

Nero-verde?
(Scritto per Europa) La Cdu e i Verdi provano a intavolare la trattativa. Le barriere ideologiche che separavano i due partiti sono crollate, ma sarà difficile che dal vertice esca un'intesa.

Tempi lunghi
(Scritto per Lettera 43) Cdu/Csu e Spd iniziano i negoziati per la nascita del governo. Nel 2005 durarono più di due mesi. E anche stavolta la cosa sembra laboriosa. Il ruolo attivo del presidente della repubblica Joachim Gauck.

Parola alla base
(Scritto per Europa) Saranno gli iscritti a esprimersi sull'appoggio alla Merkel. La formazione del governo di larghe intese, se si farà, sembra comunque avere tempi lunghi.

Harakiri liberale
(Scritto per Lettera 43) I liberali, il partito che ha collezionato più esperienze di governo della Germania del dopoguerra, restano fuori dal Parlamento. Comunicazione inefficace, perdita del consenso industriale, faide interne: le causa di questa cesura storica.

L'ape regina
(Scritto per Europa) Avvicina, corteggia, persuade, poi stringe i partner in un abbraccio mortale. Ha fatto così con la Spd nel primo mandato e con i liberali nel secondo. Si ripeterà, può darsi, anche nel terzo. Sempre con la Spd.

Agenda Merkel
(Scritto per Lettera 43) Lavoro, energia, Europa, euro. Quattro temi che segneranno il terzo cancellierato di Angela.

Tutte le strade portano alla Grosse Koalition
(Scritto per Europa) Alla vigilia del voto l'alleanza tra Cdu/Csu e Spd sembra diventata l'unica opzione praticabile. Una vittoria mutilata per la Merkel.

Steinbruck è rock
Il comizio del candidato socialdemocratico sull'Alexanderplatz di Berlino. In presa diretta.

I borghesi terribili
(Scritto per Europa) Professori universitari e giornalisti economici. Parola d'ordine: tornare alle monete sovrane. Uomini e programma di Alternativa per la Germania.

Da Potsdam con tepore
(Scritto per Lettera 43) Al comizio della Merkel nella capitale del Land del Brandeburgo. Nessun sussulto. La cancelliera trasmette la solita sensazione di eterne, rassicurante presente.

Angela bifronte
(Scritto per Europa) Gli ultimi giorni di campagna della cancelliera. Da una parte rintuzza i colpi di coda della Spd, dall'altra cerca di limitare alla sua destra gli euroscettici e i liberali.

Da Monaco a Berlino
(Scritto per Lettera43) Abbuffata dei cristiano-sociali al voto in Baviera e pessimo risultato dei liberali. Una buona e una cattiva notizia per Merkel.

Il dito medio di Steinbruck
(Scritto per Lettera 43) Il candidato socialdemocratico in posa per la Suddeutsche Zeitung con il dito medio alzato. L'ennesima gaffe del suo repertorio.

Il derby a destra di Merkel
(Scritto per Lettera 43) I liberali, sostenuti da Helmuth Kohl, rischiano di non entrare al Bundestag. Così come gli euroscettici di Alternativa per la Germania.

Quelle mani a rombo
(Scritto per Lettera 43) Ecco perché le mani della Merkel sono diventate l'icona pop della campagna elettorale.

I pirati affondano
(Scritto per Europa) Due anni fa erano la forza fresca della politica tedesca. Adesso sono dati al 3%. I motivi del flop dei Piraten.

La rimontina
(Scritto per Europa) Steinbruck non sfigura nel duello tv e recupera qualche punto. Ma i sondaggi dicono all'unisono Merkel.

La zampata di Gerhard
(Scritto per Europa) L'attacco di Schroeder alla cancelliera. Che subisce il graffio avversario, per la prima volta in questa campagna.

Ancora Kanzlerin, comunque sia
(Scritto per Europa) Dubbi e incertezze sull'esito del voto. Ma c'è una certezza: la Merkel sarà nuovamente cancelliera.

Lascia un commento