Vai al contenuto

Euro 2012

Polonia e Ucraina. Cultura, architettura, politica, comunismo, capitalismo, incontri, miti, aneddoti, vecchi e nuovi stadi, Est e Ovest. Un piccolo compendio polacco-ucraino. Di calcio e altre storie. 

(Scritto per Europa)

Lo "stadio nazionale", costruito per Euro 2012 (Archivio Rassegna Est)
Lo "stadio nazionale", costruito per Euro 2012 (Archivio Rassegna Est)

di Stefano Grazioli e Matteo Tacconi

POLONIA

Danzica, tra memoria e futuro
Solidarnosc, i cantieri navali, la libertà e il boom economico.

La rivoluzione rurale
Da euro-scettici a euro-entusiasti: la trasformazione dei contadini.

La Polonia tifa Italia
Il mito del generale Anders i legami tra "noi" e "loro".

La prima rivolta, il primo stadio
L'insurrezione del 1956, le industrie e quella fucina di manager. Viaggio a Poznan.

Il deficit d'asfalto
Buche, code, carreggiate uniche. Il tallone d'Achille delle infrastrutture.

Wroclaw, Vrotslove, Breslavia
Dal carbone all'IT. Come cambia una città.

Il ritorno dell'idraulico
L'emigrazione di ritorno. Tre casi scuola a Varsavia.

Quella Polonia gay friendly
Cattolica, ma non intollerante. Il paese visto al di là dei cliché.

Baffone e il grattacielo
Il Palazzo della cultura e della scienza. Simbolo comunista o parte dell'identità di Varsavia?

Alla fiera dell'Est
Stadio di regime, mercato all'aria aperta, arena all'ultimo grido. La vicenda dello Stadio Narodowy.

UCRAINA 

Qui Kiev. C'è ancora da fare
L'Ucraina dopo Euro 2012. La strada è in salita.

Ucraina underground
Tunnel e bunker nucleari. L'eredità dell'Urss.

L'europeo al fresco di Yulia
Il caso Tymoshenko sfrondato dai filtri.

Il ponte dell'amicizia
Lontana dal baccano calcistico, la Crimea guarda a Mosca.

Il Silvio ucraino
Ritratto di Rinat Akhmetov, il padrone assoluto di Donetsk.

Gloria agli eroi. Ma quali eroi?
A Leopoli, tra retaggi austriaci e ventate nazionaliste.

La partita della morte
Miti e contro-miti dello storico match tra ucraini e occupanti nazisti al tempo della Seconda guerra mondiale.

Il match dei borgomastri
Sede della finale del torneo e campo di battaglia politico. Le due facce di Kiev.

All'ombra della madre patria
Un monumento sovietico un po' ingombrante. La Russia, amata e odiata.

Tra plutonio e pallone
A Chernobyl, tra vuoti nucleari, riscossa della natura e nuovi trend turistici.

Lascia un commento