Vai al contenuto

TERRORE A MINSK, CUI PRODEST?

È stato un attentato terroristico quello che ieri sera ha scosso la capitale della Bielorussia. Una bomba é esplosa nella metropolitana, a pochi passi dal palazzo presidenziale dove risiede Alexander Lukashenko. Il bilancio, che potrebbe aggravarsi, è per ora di 11 morti e un centinaio di feriti.

È avvenuto tutto nell’ora di punta nella stazione di incrocio delle uniche due linee della metropolitana, proprio nel cuore della città. Lo stesso Lukashenko, accorso subito sul luogo della strage, è stato il primo a indicare come probabile la pista terroristica. Il presidente ha parlato di un atto per destabilizzare il regime e ha ipotizzato che sia stato organizzato al di fuori del Paese.

Finora la Bielorussia non è mai stata colpita da attentati terroristici in grande stile. Solo nel 2008 lo scoppio di una bomba artigianale aveva causato una cinquantina di feriti alla vigilia di un concerto, ma le circostanze non furono mai davvero chiarite. Lukashenko guida con pugno di ferro l’ex repubblica sovietica ed è stato rieletto nel 2010 tra proteste e repressioni.

Ora il terrore arriva direttamente a Minsk. Resta da capire, dato che al momento non ci sono rivendicazioni, chi possano essere i veri responsabili. Qualche ipotesi a caldo:

A - Lukashenko. La teoria della bomba targata Kgb (quello bielorusso, quello russo si chiama ora Fsb, meglio ricordarlo) è la più classica: dopo le repressioni di dicembre, gli oppositori in carcere, l’economia alla canna del gas, la sanzioni dell’Unione Europa, gli screzi con Mosca, al presidente mancava solo l’attentato fai da te per poter dare un altro giro di vite e far precipitare il Paese nel terrore. A Lukashenko ormai non interessa più nulla né di Mosca né di Bruxelles, vuole il completo isolamento e dare ragione a chi lo chiama “l’ultimo dittatore d’Europa”. L’episodio del 2008 e quello del 2005 a Vitebsk potrebbero essere dei precedenti.

B - L’opposizione. Termine abbastanza vago, che racchiude una galassia ampia. Andrebbero fatte distinzioni. All’interno e all’estero. Definiamola quindi generalmente “radicale”: Dopo 16 anni di Lukashenko e di metodi gandhiani è arrivata l’ora di mandare segnali forti, senza pietà e rispetto per tutti quelli che hanno la disgrazia di vivere sotto lo stesso regime. Il presidente va abbattuto con una strategia che lo destabilizzi e l’unico mezzo per farlo, visto che sanzioni dell’Ue sono come l’acqua fresca, è quello di piazzare bombe in metropolitana.

C - Il complotto internazionale occidentale. Variante simile alla B, ma un po’ più sofisticata. Dato che Lukashenko è irrecuperabile e sta finendo nelle braccia di Mosca, meglio farlo saltare prima. Mandare gli F16 su Minsk non sarebbe politically correct. Destabilizzare il regime con ogni mezzo per sostituire il presidente alla prima occasione con qualcuno di più gradito. Strategia terroristica come antipasto e variante per un regime change colorato.

D – Il complotto internazionale russo. L’unico modo per non farsi scappare la Bielorussia è quello di utilizzare metodi rodati. Isolando e destabilizzando Minsk l’unica opzione per Lukashenko è quella di cadere definitivamente nella braccia del Cremlino. Mosca ha già offerto aiuto nelle indagini.

E - Al Qaeda. Qualcuno dal Caucaso è andato in  vacanza a Minsk per fare un esperimento. Da ripetere poi in qualche altra repubblica ex sovietica limitrofa. Ucraina, tanto per fare un nome. A sentire i proclami, gli infedeli filorussi si annidano ovunque e i pretesti si trovano a ogni angolo di strada. Minsk come Mosca, Londra o Madrid.

Al momento, senza una firma, credibile e meno, è però difficile dare un vero giudizio. Quando e se arriverà una rivendicazione si potrà ragionare seriamente. Se non arriverà, si potrà in ogni caso riflettere con maggiore attenzione.